Autore: Simone Fabriziani

Nasce il 27 ottobre 1987 e non fa in tempo a godersi gli eccessi degli anni '80 ma cresce a pane e Disney. La passione per il cinema arriva con la prima visione di Batman - Il ritorno e poi con l'esperienza collettiva in sala per Titanic. Si laurea in lingua e in giornalismo, poi intraprende un master di marketing per il cinema a Milano. Non ha mai smesso di scrivere di cinema e (e di Oscar) da quando ne ha avuto l'occasione.

Michelle Yeoh in una scena di Everything Everywhere All At Once

Quando alle nomination agli Oscar 2023 abbiamo scoperto che era stato candidato a ben 11 statuette (più di ogni altro titolo in gara), non abbiamo più avuto dubbi:Everything Everywhere All At Once di Daniel Kwan e Daniel Scheinert è veramente il favorito all’Oscar come miglior film dell’anno. In attesa di scoprire se il folle film sul multiverso della coppia di cineasti statunitensi conquisterà prima i Bafta e poi i riconoscimenti dell’industria hollywoodiana consolidando il suo status attuale di frontrunner, cerchiamo di capire assieme perché la pellicola con Michelle Yeoh e Jamie Lee Curtis sia a conti fatti il film di…

Continua a leggere
Schindler's List

In occasione della Giornata della Memoria che cade come ogni anno il 27 gennaio, ripercorriamo assieme il percorso cinematografico intrapreso da Schindler’s List, capolavoro diretto da Steven Spielberg che ha debuttato nelle sale statunitensi a partire dalla fine del 1993. Un film-testimonianza che tracciava al tempo della sua uscita uno spartiacque storico nella maniera di raccontare gli orrori indicibili dell’Olocausto e di sensibilizzare le nuove generazioni sull’eredità gravosa che portava su di sé la scellerata politica antisemita del regime nazista. Tratta dal romanzo “La lista di Schindler” di Thomas Keneally e a sua volta ispirata ad un’incredibile storia vera, la…

Continua a leggere
Oscar

L’Academy of Motion Picture Arts and Sciences ha annunciato da pochissimo le candidature agli Oscar 2023, il maggior riconoscimento al cinema americano quest’anno arrivato alla sua 95° edizione. Se l’attesissima cerimonia di premiazione avverrà soltanto domenica 12 marzo a Los Angeles, noi nel frattempo abbiamo deciso di analizzare insieme le nomination alla statuetta più ambita e glamour del mondo del cinema, tra grandi conferme, sorprese, esclusioni clamorose e soprattutto tante, tantissime prime volte. Guardando più attentamente i titoli, gli autori e le performance scelte dall’Academy, ci viene però da chiederci ancora una volta se l’associazione di addetti ai lavori di…

Continua a leggere
Joaquin Phoenix

Il 2023 apparterrà a Joaquin Phoenix. Il camaleontico e radicale interprete statunitense si prepara nuovamente a dominare il talk cinematografico fuori e dentro le sale con due titoli che già sembrano coniugare appieno le molteplici anime di questo attore dal talento incommensurabile e non incasellabile a nessuna appartenenza professionale o metodica. Phoenix è ed è sempre stato un caleidoscopio di emozioni e suggestioni attoriali talmente evocative che spesso e volentieri hanno improntato il successo (al botteghino o nell’immaginario collettivo) dei lungometraggi a cui ha preso parte. L’anno da poco iniziato sarà particolarmente proficuo per Joaquin Phoenix, protagonista attesissimo di due…

Continua a leggere
The Menu

Dopo aver fatto capolino nelle sale italiane dal 17 novembre con Searchlight Pictures ed aver ottenuto ottimi riscontri di pubblico e critica prima al Toronto International Film Festival e poi ad ottobre all Festa del Cinema di Roma, The Menu di Mark Mylod ha debuttato nel catalogo di Disney+, disponibile alla visione per tutti gli abbonati. La commedia nera con Anya Taylor-Joy, Ralph Fiennes e Nicholas Hoult, è un trionfo cinematografico che usa con intelligenza una trama culinaria orizzontale per raccontare una grottesca satira sulle diseguaglianze e il classismo della società contemporanea. Nella nostra spiegazione del finale di The Menu…

Continua a leggere
I due papi

Il 31 dicembre 2022, alla veneranda età di 95 anni, si è spento Joseph Ratzinger, ecclesiastico tedesco che dal 2005 ai primi mesi del 2013 ha ricoperto la carica di Papa con il nome di Benedetto XVI. Un pontefice che è entrato di diritto nella storia dell’umanità quando nel febbraio del 2013 ha annunciato al mondo intero di voler rinunciare al soglio di San Pietro per motivi di età ed inadeguatezza nei confronti di un fardello che non riusciva più a trasportare sulle sue spalle come prima. Una rinuncia che nella storia del Vaticano ha pochissimi precedenti: 598 anni prima…

Continua a leggere
Close
8.0

Dopo il meritato Gran Prix della Giuria assegnato all’ultimo Festival di Cannes, arriva finalmente nelle sale italiane Close, secondo lungometraggio scritto e diretto da Lukas Dhont e distribuito da Lucky Red a partire da mercoledì 4 gennaio. Al suo secondo tentativo dietro la macchina da presa, il cineasta belga (che ha soltanto 31 anni e già uno straordinario talento da vendere) riparte dalle solidissime fondamenta del suo precedente Girl del 2018 per dipingere con tocchi teneri e allo stesso tempo violenti un racconto di formazione adolescenziale da antologia. Nella nostra recensione di Close, ci soffermeremo su quanto la seconda pellicola…

Continua a leggere
Pinocchio di Guillermo del Toro

Finalmente ha debuttato su Netflix Pinocchio di Guillermo del Toro, primo lungometraggio d’animazione diretto dal regista premio Oscar. Una rilettura dark e sorprendentemente matura della fiaba immortale di Carlo Collodi che il cineasta messicano ha presentato con enorme successo di pubblico al London Film Festival e di cui vi parlammo nella nostra entusiasta recensione in anteprima. Con la realizzazione di questo gioiellino in stop motion, l’autore ha firmato non soltanto uno dei suoi lungometraggi più potenti e riusciti, ma ha completato quella che ad oggi può essere considerata un’ideale trilogia anti-totalitaria iniziata nel 2001 con il sottovalutato La spina del…

Continua a leggere
Ursula in una scena de La Sirenetta

Non ci sono più i cattivi di una volta, o forse in realtà non ci sono mai stati. Stando alle nuove linee guida narrative dei Classici Disney d’animazione, la linea flebile tra protagonista ed antagonista è stata ulteriormente assottigliata, tanto che la figura del villain tradizionalmente riconosciuta sembra ormai démodé, andata temporaneamente in pensione. Perché sta accadendo questo agli ultimissimi lungometraggi d’animazione realizzati dall’onnipotente Casa di Topolino? Forse è il risultato di un tentativo circospetto di stare al passo con i tempi e regalare ai suoi variegati spettatori personaggi meno manichei e più complessi? Oppure lo spettro del politically correct…

Continua a leggere
Immagine promozionale di 1899

A partire dal 17 novembre è disponibile su Netflix la prima stagione di 1899, nuovo rompicapo seriale creato da Baran Bo Odar e Jantje Friese, la coppia di registi e sceneggiatori tedeschi reduci dallo straordinario successo internazionale di Dark. Se il loro primo progetto seriale in casa Netflix giocava in maniera sapiente ed originale con le conseguenze del viaggio nel tempo e degli universi paralleli, 1899 si occupa invece di esplorare le infinite possibilità del cervello umano e di quanto questo nostro organo vitale sia responsabile della percezione della realtà per come la viviamo quotidianamente. Proprio come vi spiegavamo nella…

Continua a leggere
Netflix, una schermata

A partire dalle 17:00 di giovedì 3 novembre, un nuovo piano base di abbonamento a Netflix è stato reso disponibile per gli utenti; rispetto ai piani tariffari già in uso e attualmente validi come quello Base, Standard e Premium, quello a cui facciamo riferimento è il piano base con pubblicità. Questo non significa che non si possano ancora sottoscrivere i tre abbonamenti sopracitati, bensì che adesso l’utente avrà la possibilità scegliere una nuova tipologia di abbonamento con caratteristiche e funzionalità differenti rispetto ai piani base, Standard e Premium, a cominciare dalla tariffa mensile. Vediamo più nello specifico di cosa si…

Continua a leggere
un'immagine de il modello pickman

A partire dal 25 ottobre è disponibile su Netflix la serie antologica Cabinet of Curiosities, creata e prodotta dal regista premio Oscar Guillermo del Toro (qui potete leggere la nostra recensione della serie). Nonostante l’autore messicano non sia il regista degli otto episodi autoconclusivi che costituiscono la serie horror ha affidato ad altrettanti talentuosi cineasti contemporanei la supervisione dietro la macchina da presa delle storie del terrore che vengono raccontate nella serie Netflix. Otto registi diversi per otto episodi che hanno a che fare con il soprannaturale e le sue conseguenze nella vita quotidiana dei protagonisti; sette su otto sono le…

Continua a leggere
Jessica Chastain e Eddie Redmayne in The Good Nurse

The Good Nurse, film Netflix con Jessica Chastain e Eddie Redmayne, è ispirato all’agghiacciante storia vera di Charlie Cullen, infermiere responsabile di 29 omicidi confermati e di quasi 400 non del tutto chiariti e per cui non ci sono attualmente prove schiaccianti; in poche parole, uno dei serial killer più prolifici nella storia degli Stati Uniti d’America. Tratto dal libro di Charles Graeber dallo stesso titolo pubblicato nel 2013, The Good Nurse è disponbile per tutti gli abbonati della piattaforma di streaming a partire da mercoledì 26 ottobre. Il film originale Netflix diretto da Tobias Lindholm – di cui abbiamo…

Continua a leggere
Una scena tratta da Tutto chiede salvezza

Tutto chiede salvezza, serie originale Netflix creata e diretta da Francesco Bruni, ha debuttato sulla piattaforma di streaming a partire dal 14 ottobre, in concomitanza con la Giornata Mondiale della Salute Mentale. La serie divisa in sette episodi racconta la permanenza nel corso di una settimana del protagonista all’interno di un reparto psichiatrico. Una storia vera e commovente che è tratta dal libro omonimo pubblicato da Daniele Mencarelli nel 2020 e che possiede un tratto autobiografico molto forte. Difatti la storia del protagonista, sia del libro che della serie, non appartiene ad altri che al giovane Mencarelli e alla sua…

Continua a leggere
Un'immagine promozionale di Dhamer

La nuova serie su Jeffrey Dahmer è tra i titoli Netflix più visti e chiacchierati di sempre; il racconto per il piccolo schermo dei uno dei serial killer più efferati della storia degli Stati Uniti è da tempo nell’occhio del ciclone di innumerevoli polemiche social, non ultima quella riguardante i testi delle canzoni di alcuni cantanti che lo hanno esplicitamente citato per nome e cognome. Tra i cantanti americani che sono stati fortemente criticati per aver citato il nome di Jeffrey Dahmer nelle loro vecchie canzoni ci sono, ad esempio, Eminem, Katy Perry e Kesha. Quest’ultima, ad esempio, aveva pubblicato…

Continua a leggere
Michelle Yeoh in una scena di Everything Everywhere All At Once

Giovedì 6 ottobre ha finalmente debuttato nelle nostre sale Everything Everywhere All At Once grazie alla distribuzione di I Wonder Pictures. Scritto e diretto con intelligenza ed anarchia artistica dai Daniels (Daniel Kwan e Daniel Scheinert), è un film che nonostante la stramba apparenza potrebbe avere tutte le carte in regola per sbancare ai prossimi Oscar 2023, sia per quanto riguarda le nomination che potrebbe ottenere che per il discorso legato ai riconoscimenti effettivi. Scopriamo insieme perché. Il nuovo film scritto e diretto da Daniel Kwan e Daniel Scheinert (gli stessi, folli autori di Swiss Army Man con Paul Dano…

Continua a leggere
Burt Reynolds in una scena di Boogie Nights

William H. Macy, attore candidato all’Oscar per il film Fargo, ha raccontrato in un’intervista a Vulture che Burt Reynolds aveva assolutamente odiato l’esperienza sul set di Boogie Nights, film del 1997 scritto e diretto da Paul Thomas Anderson. La pellicola raccontava in forma corale le sfaccettature dell’industria del porno nella Los Angeles degli anni ’70 con un cast d’eccezione: gli stessi Macy e Reynolds, Philip Seymour Hoffman, Julianne Moore, Heather Graham, Don Cheadle e Mark Wahlberg. In un’intervista a Vulture William H. May è stato interrogato sull’esperienza sul set di Boogie Nights, tra i lungometraggi più amati del regista e…

Continua a leggere
Alan Rickman è il Professor Piton

Il set cinematografico di Harry Potter non è stato rose e fiori. Lo racconta l’attore Tom Felton, che nella saga interpretava Draco Malfoy; nel suo libro autobiografico “Beyond The Wand”, Felton ha raccontato un divertentissimo aneddoto nel quale il compianto Alan Rickman ha letterlamente minacciato il giovane attore a malissime parole: “Non calplestare il mio cazzo di mantello!”. Molti sul set pensavano fosse una battuta da parte di Rickman, invece stava dicendo sul serio. Nel libro autobiografico Beyond The Wand, Tom Felton ha raccontato un incredibile aneddoto riguardante uno dei tanti giorni sul set della saga di Harry Potter. L’attore…

Continua a leggere
Immagine promozionale di Dahmer

Lo scorso 23 settembre Netflix ha rimosso l’etichetta LGBTQ dalla miniserie di straordinario successo di pubblico Dahmer – Mostro: La storia di Jeffrey Dahmer, ideata da Ryan Murphy e Ian Brennan. Il progetto televisivo con protagonista Evan Peters nei panni del serial killer di Milwaukee ha l’ambizione di raccontare non soltanto l’infanzia, l’adolescenza e la turbolenta crescita di uno dei killer più efferati e scioccanti nella storia degli Stati Uniti, ma si prodiga anche nel narrarne la scia di omicidi prendendo a prestito punti di vista differenti nel racconto. Sì, perché Dahmer non è semplicemente l’ennesima serializzazione degli orribili atti…

Continua a leggere
Zac Efron a petto nudo

Zac Efron ha risposto agli insistenti rumor che lo vogliono come prossimo volto di Wolverine nel Marvel Cinematic Universe; parole, quelle dell’attore, che non sono di certo passate inosservate in occasione della sua ospitata al The Tonight Show with Jimmy Fallon; del resto, l’universo cinematografico Marvel è da tempo che sta cercando di inserire i mutanti nei loro progetti produttivi, a partire dalla presenza del Professor X di Patrick Stewart in Doctor Strange nel Multiverso della Follia e dalla conferma che la giovane protagonista di Ms. Marvel è, a tutti gli effetti, una mutante. Ospitato in una recente puntata del…

Continua a leggere