Autore: Gabriele Cerrito

Classe '94, laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni nel 2017, studioso di Editoria e Giornalismo e attualmente specializzando in Scienze dello Spettacolo. Giornalista di professione, copywriter per formazione, ha scritto e collaborato per diverse realtà di settore (FilmPost.it, Everyeye) con la speranza di raccontare il cinema e la cultura pop per il resto della sua vita.

Lo splendido poster promozionale di Shōgun
8.5

Ci sono produzioni destinate a rimanere indelebili e senza tempo. Ce ne sono altre che aspirano a raggiungere grandi traguardi senza avere i mezzi per farlo. Ma ci sono (fin troppo raramente, al di fuori delle leggendarie fucine autoriali di HBO) anche produzioni che nascono con la consapevolezza del proprio peso specifico e che riescono a preservare quell’ambizione qualitativa dal concepimento fino alla messa in scena. L’ultimo caso è quello di Shōgun, uscita dai corridoi della sottovalutata FX con l’etichetta di progetto più imponente nella storia del network e in arrivo su Disney+ il 27 febbrai con 10 episodi a…

Continua a leggere
I protagonisti di Past Lives in un poster del film - © A24

Non ci siamo ancora ripresi da Past Lives. Non perché abbia compiuto un lavoro trascendentale con la sua narrazione, e neppure perché ci abbia sconvolto con qualche stravagante trovata registica o interpretazione memorabile. C’è qualcosa nel lavoro compiuto da Celine Song, e in particolare nella sua sceneggiatura, che riesce a scavare nel profondo di ogni spettatore: è l’equilibrio profondo di elementi culturali e filosofici, è l’impressionante connubio tra logica ed emozione, ma è soprattutto il talento nell’unire concetti e ricordi che rende unica l’esperienza di Past Lives – e, di riflesso, il talento della sua autrice. Un racconto che parla…

Continua a leggere
Geloier Luché Gue e Gigi D'alessio nella serata cover di Sanremo

Nell’anno degli italiani, l’arrivo di Sanremo coincide con giorni in cui tutto si ferma: il Festival della Canzone Italiana è tornato con forza al centro della cultura pop e gli artisti hanno abbracciato più generazioni, facendosi voce di una popolarità che sembrava ormai frammentata e degradata. Oggi, anche i più giovani guardano a Sanremo come a un evento di puro intrattenimento e aggregazione, tra divertimento sui social e consumismo mediatico. Ma da buone penne, non potevamo esimerci dal provare a conciliare spiritualmente questo periodo tanto intenso al nostro pane quotidiano. Ecco perché l’idea di associare un film a ciascuno dei…

Continua a leggere
Michaela Coel nel poster di I May Destroy you

Non ci sono dubbi: questa è l’epoca d’oro delle serie tv. Gli anni passano e il fenomeno caratteristico del nuovo millennio digitale è ormai diventato una certezza: non manca mai una nuova piattaforma da scoprire, un nuovo show pronto a esplodere con l’ambizione di lasciare il segno come accade sul grande schermo. Il pubblico e le aspettative aumentano di pari passo con la qualità delle produzioni, ma nell’era dei contenuti senza fine il rischio di perdersi si fa sempre più grande. Ci sono delle ragioni precise per cui questa tendenza sia diventata un problema sistemico in alcuni mercati, e il…

Continua a leggere
Jon Hamm protagonista di una potente scena in Fargo 5

Fargo, pur essendo a tutti gli effetti un piccolo cult della tv moderna, è diventato col passare degli anni un prodotto estremamente particolare. Da una parte, perché Noah Hawley ha creato un universo talmente profondo da sublimare l’opera dei fratelli Coen; dall’altra, perché (almeno finora) ogni stagione di questa fiaba antologica del reale avrebbe potuto essere l’ultima, e invece non si è mai rivelata tale. L’amore di uno degli autori più abili e audaci del piccolo schermo per due dei registi più importanti del nostro tempo è cosa nota; eppure, non è affatto strano pensare a Fargo come a un’opera…

Continua a leggere
Kali Reis e Jodie Foster in un'immagine promozionale di True Detective: Night Country - © HBO

Dal 15 gennaio, in contemporanea con l’uscita statunitense, True Detective: Night Country è arrivata sugli schermi grazie a Sky e NOW. Un’attesa particolare, quella per la nuova stagione, che ha riempito fan e curiosi di dubbi e domande. Inevitabile, se si pensa a questo show come la prima produzione lontana dall’egemonia creativa di Nic Pizzolatto: lo storico creatore della serie, al timone per tre stagioni, ha mollato la presa dopo alcune diatribe interne con HBO e al momento figura “solamente” fra i produttori esecutivi. Oltre ai particolari squisitamente produttivi, auguri di derive particolarmente potenti rispetto al passato, l’inizio di Night…

Continua a leggere
Poster ufficiale di Hazbin Hotel Charlie in una scena di Hazbin Hotel - © Prime Video
7.5

A quasi quattro anni dal suo annuncio, Prime Video sta per scoprire una delle serie più folli e curiose dell’anno. Hazbin Hotel è un progetto che non arriva certo per caso: Vivienne Medrano, mente e cuore dietro quest’opera animata, intrattiene da anni milioni di spettatori sul suo canale YouTube. E proprio l’episodio pilota di Hazbin Hotel, pubblicato sul web nel 2019, ha attirato l’interesse della A24 che ne ha presto acquisito i diritti per realizzare un’intera serie – il primo prodotto d’animazione per la casa di distribuzione più chiacchierata degli ultimi anni. Al momento dell’uscita dello show (il 19 gennaio…

Continua a leggere
Matthew McCounaghey e Woody Harrelson nella prima stagione di True Detective

Era il 2014 quando, in maniera del tutto inaspettata e sorprendente, HBO si preparava a sconvolgere di nuovo il mondo del piccolo schermo con una scommessa originale. Nic Pizzolatto, autore eclettico e spinto da una letterarietà costante, riuscì a creare un nuovo modello di crime drama partendo da basi fino ad allora inconcepibili per la tv. Nacque così True Detective, una serie antologica incentrata su indagini poliziesche più o meno scabrose, tra demoni urbani e interiori, concepita per coinvolgere il pubblico con stagioni (e storie) sempre differenti. Trame cupe e misteriose, che nel pathos e l’intrigo trovarono terreno fertile per…

Continua a leggere
serie tv 2024

Il 2024 è appena cominciato e con la Awards Season alle porte non c’è momento migliore per pensare alle serie tv in uscita nei prossimi mesi. Sorprese, curiosità e pronostici sono sempre dietro l’angolo, ma con gli scioperi di sceneggiatori prima e degli attori poi abbiamo rischiato veramente grosso: anche se il primo semestre sarà inevitabilmente segnato (almeno nella quantità delle uscite) dagli effetti di questo stop, ci sono davvero tante produzioni da tenere d’occhio. Abbiamo quindi riassunto in un (ampio) elenco tutte le serie più curiose e intriganti che dovrebbero uscire entro l’anno: tra graditi ritorni, nuovi esperimenti e…

Continua a leggere
Copertina di A Murder at the end of the World
7.0

Quando Brit Marling e Zal Batmanglij sconvolsero il pubblico di Netflix con the OA, furono in pochi a dare il giusto valore a un’opera che intendeva raccontare qualcosa di diverso esplorando nuove strade. Oggi, a circa quattro anni di distanza, questo curioso duo di autori si affaccia nuovamente al mondo dello streaming con una produzione che attinge a piene mani da quello stile semi-onirico, tra il disturbante e l’affascinante, che tanto aveva fatto parlare di sé all’epoca. Brit Marling ha fatto dei lavori particolarmente divisivi la sua zona di comfort, ma con A Murder at the end of the World…

Continua a leggere
Stefano Sollima

Dopo intense attese di curiosità e riprese, Stefano Sollima è tornato al cinema con Adagio, il suo quinto film nelle sale in questi giorni. Potrebbe sembrare roba da poco a un occhio poco attento, ma questo evento è tutt’altro che banale e la sua importanza è fondamentalmente legata a due ritorni. Il primo è quello dello stesso Sollima, uno dei registi italiani più apprezzati al mondo, riaccolto in patria dopo un’affascinante parabola in America; il secondo riguarda invece Adagio, ritorno (e forse addio) alla “sua” Roma con un’opera crepuscolare che chiuda il cerchio sulla declinazione criminale della capitale. Un percorso…

Continua a leggere
Woody Allen in bianco e nero

Analizzare il cinema di Woody Allen, film dopo film, è diventato un lavoro sempre più complesso. A chiedere il suo parere, quest’ometto di ottantotto anni direbbe che ha sprecato un’intera carriera senza mai avvicinarsi a grandi maestri come Kurosawa, Fellini o Truffaut. Eppure, tra i suoi deliri e le sue paranoie, il regista newyorkese ha segnato la storia del cinema con delle pellicole che hanno cambiato il modo di intendere la commedia, rivoluzionando l’approccio creativo alla sceneggiatura nel passaggio verso il post-modernismo. Le sue opere hanno vinto Premi Oscar, sono state inserite fra le migliori pellicole statunitensi di tutti i…

Continua a leggere
Frame tratto da Il Signore degli Anelli

Un autore iconico, un’opera leggendaria, mille significati possibili: il segno lasciato da J.R.R. Tolkien nel mondo contemporaneo è ancora evidente, soprattutto sul piano culturale. Com’è sempre accaduto, tuttavia, qualsiasi opera creativa dal grande impatto sociale deve fare i conti col giudizio (o l’interpretazione) della politica. Che si tratti di appropriazione culturale o di comoda ideologia, l’astuzia di chi vive al di sopra del popolo è capace di sfruttare qualsiasi zona grigia per aprire intere voragini. Per Il Signore degli Anelli e Tolkien, però, nessuno avrebbe immaginato una deriva squisitamente italiana, con l’opera del maestro ritenuta addirittura imprescindibile per la formazione…

Continua a leggere
doctor who e il tardis

Doctor Who è ufficialmente arrivato su Disney+ con il primo di tre nuovi speciali dedicati all’atteso ritorno del cult televisivo britannico. Un nuovo inizio per lo show, rinvigorito dall’accordo siglato tra BBC e Disney per la distribuzione della serie in tutto il mondo, segnato però da un ritorno al passato: David Tennant e la companion Donna Noble (Catherine Tate), sua spalla più apprezzata, sono i vecchi, nuovi protagonisti della transizione verso la prossima rigenerazione del Dottore, con lo showrunner Russell T. Davies nuovamente al timone della produzione. Superata la complicata gestione di Chris Chibnall e il primo Dottore donna di…

Continua a leggere

Quando Fargo dei fratelli Coen uscì nelle sale più di 25 anni fa, nessuno si sarebbe aspettato che una storiella di deriva criminale avrebbe sconvolto il mondo. Eppure, ancora oggi, quel film rappresenta una delle opere imprescindibili di due dei maggiori cineasti del nostro tempo. Sorretta da atmosfere caratteristiche e da un ambiguo black humor, la pellicola ebbe il grande pregio di presentare un mondo colmo di sfumature che potesse sorprendere anche gli spettatori meno attenti. Cosa ancor più importante, Fargo fece immediatamente notare i suoi molteplici livelli di lettura: dietro un velo grottesco che sembra quasi celebrare l’assurdo, i…

Continua a leggere
The Killer come finisce

Ragionarci oggi sarebbe quasi superfluo: la figura del serial killer, nella sua macabra e metodica deriva criminale, rappresenta uno degli spunti di maggior fascino per la cultura pop. Non sorprende che il true crime sia tanto in auge tra documentari e podcast, vista l’enorme attenzione (mediatica e non) da sempre riservata a quegli individui capaci di macchiarsi di atti orrendi al punto da farne una prassi priva di reale significato. Gli ultimi trent’anni non hanno fatto altro che alimentare questo senso di estrema curiosità mista a orrore. Sarebbe interessante osservare come molte figure di dubbio valore morale abbiano visto crescere…

Continua a leggere
anatomia di una caduta

Anatomia di una caduta, l’opera vincitrice della Palma d’oro a Cannes 2023, è finalmente arrivata nelle sale italiane. Tra grandi uscite e piccole sorprese, però, sono in molti a chiedersi cosa possa avere di tanto speciale l’ennesima operazione francese uscita dal Festival più altezzoso del Cinema. La risposta sta tutta nella struttura del film, che non si avvinghia a un solo genere per seguirne pedissequamente le caratteristiche, e anzi sfrutta la prospettiva dello spettatore moderno, plasmata dal consumismo multimediale, per raccontare qualcosa di nuovo – e compiere degli interessanti passi in avanti. Il quarto lungometraggio di Justine Triet, regista colta…

Continua a leggere

Nella filmografia di Krzysztof Kieślowski, autore polacco capace di segnare un’epoca con le sue opere, non c’è mai stato spazio per la mediocrità. Protagonista di una di quelle vite destinate a farsi grandi dopo mille peripezie, il regista e sceneggiatore è tornato nuovamente in sala in questi mesi con la trilogia che lo ha definitivamente consacrato fra i maestri della settima arte. Kieślowski, che già avrebbe meritato quel posto per il suo Decalogo o La Doppia Vita di Veronica, si è permesso di trovare un connubio capace di soddisfare appassionati e critica in egual misura. Ponendo la propria esperienza e…

Continua a leggere
Kenneth Branagh è Hercule Poirot in Assassinio a Venezia

Il mondo letterario creato dalla Signora del giallo, Agatha Christie, è uno degli universi narrativi più adattati di sempre tra il grande e il piccolo schermo. Non sono mai mancati approcci audaci o particolari soluzioni negli anni, con produzioni che hanno segnato l’immaginario collettivo e ispirato numerosissime opere successive. In questo senso, il lavoro della Christie può certamente dirsi pionieristico non tanto per tematiche, quanto per struttura e stile: il murder mystery claustrofobico, catturato e concentrato sempre entro spazi limitati o entro quattro mura, vissuto attraverso l’approccio intricato e complesso di magnifici indagatori come Hercule Poirot, è riuscito attraverso la…

Continua a leggere
Frame che ritrae una scena de Il Signore degli Anelli - Il Ritorno del Re.

Prima dei grandi universi condivisi e delle grandi narrazioni blockbuster sul grande schermo, prima ancora che diventasse anche solo possibile concedere a un autore poco conosciuto le risorse per realizzare film ad alto budget, c’era un tempo in cui neppure il cinema era consapevole di poter offrire uno spettacolo tanto grande nel giro di pochi anni. Sembra si parli di una vita fa, ma l’arrivo del nuovo millennio ha segnato una svolta storica sotto molti aspetti, che si parli dei contesti produttivi o di quelli legati alla distribuzione. Mai come allora, però, tutti questi cambiamenti erano stati portati avanti da…

Continua a leggere