Autore: Max Borg

Finlandese di nascita, italiano e svizzero d'adozione, si innamora del cinema e della televisione nel periodo adolescenziale, e durante gli studi universitari trasforma gradualmente questo amore in lavoro. Scrive per varie testate in Italia e all'estero, soprattutto quando si tratta di supereroi, cinema nordico e svizzero, streaming e festival.

Una scena di bussano alla porta
6.5

Dopo un primo, fortunato sodalizio con la Disney tra il 1999 e il 2004, e un successivo alternarsi a seconda del singolo progetto, dal 2015 – complice la collaborazione con Blumhouse su un paio di titoli – M. Night Shyamalan è in pianta stabile in casa Universal, avendo firmato con la major un accordo per altri due film dopo il successo dei capitoli conclusivi della trilogia avviata ai tempi con Unbreakable – Il predestinato. Due film che, per l’occasione, segnano anche il ritorno del regista nel territorio dell’adattamento di materiale di terzi: prima un fumetto francese, che è divenuto Old,…

Continua a leggere
Ian McKellen

Capita che gli attori su un set contribuiscano, anche in misura minore, alla (ri)scrittura di un film, per esempio cambiando le battute se si rendono conto che quelle originali non funzionano come previsto. Altre volte è richiesta una consulenza specifica, come accaduto con Ian McKellen durante le riprese di X-Men 2. La saga dei mutanti è sempre stata fortemente allegorica per quanto riguarda il tema della discriminazione, motivo per cui il regista Bryan Singer (ebreo e bisessuale) e lo stesso McKellen (apertamente gay) si erano interessati al franchise. Nel secondo film c’è la scena in cui Bobby Drake, alias Iceman,…

Continua a leggere
Mike Colter e Gerard Butler in The Plane
7.0

“Dai produttori di Greenland e L’attacco al potere”, recitano i materiali pubblicitari del nuovo film con protagonista Gerard Butler, da più di dieci anni uno dei volti di fiducia del cinema action di matrice statunitense. E se nei due casi citati – un film catastrofico con la Groenlandia come meta privilegiata dei pochi prescelti che si salveranno dall’apocalisse e una trilogia sulla guardia del corpo del presidente americano – l’apprezzamento non è stato unanime, rimane innegabile il carisma dell’attore scozzese, soprattutto quando gli si dà la possibilità di recitare con il suo vero accento. Ed è esattamente quello che accade…

Continua a leggere

Tra i fenomeni televisivi degli ultimi anni c’è la serie The White Lotus, commedia nera targata HBO sui ricchi che vanno in vacanza in località esotiche. In occasione della presenza come conduttrice di Aubrey Plaza, che ha recitato nella seconda stagione dello show, il varietà Saturday Night Live ne ha approfittato per mettere alla berlina la creazione di Mike White con una parodia. Lo sketch, filmato in anticipo rispetto alla diretta di sabato, è il finto trailer di una nuova incarnazione della serie nota come The Black Lotus: le situazioni sono essenzialmente le stesse, ma lo staff dell’hotel di turno…

Continua a leggere

Nello stesso weekend in cui ha raggiunto la soglia dei due miliardi di dollari al box office globale, Avatar 2 è stato oggetto di una parodia targata Saturday Night Live, il celebre varietà USA della NBC che è tornato sul piccolo schermo dopo la pausa natalizia. Non è la prima volta che il franchise ideato da James Cameron viene preso in giro dal programma, che in un memorabile sketch con Ryan Gosling aveva sottolineato il suo uso del font noto come Papyrus. Nella nuova parodia di Avatar: La via dell’acqua c’è una deformazione comica di quello che effettivamente accade nel…

Continua a leggere
Steven Spielberg sul set di Poltergeist - Demoniache presenze

Quando si parla di Poltergeist – Demoniache presenze, prima o poi salta sempre fuori lo stesso argomento: il regista è quello ufficialmente accreditato, Tobe Hooper, oppure egli è stato solo un prestanome per Steven Spielberg, tecnicamente solo produttore e sceneggiatore del progetto? Una teoria nata, in parte, da una clausola nel contratto di Spielberg per E.T. – L’extraterrestre, uscito nello stesso periodo: mentre lo preparava, non poteva girare altro. La controversia circola già dai tempi dell’uscita, in parte a causa di una frase attribuita a Spielberg in un articolo del Los Angeles Times: egli sostiene che, in caso qualcuno avesse…

Continua a leggere
Alan Cumming

Anche se tutti ricordano con affetto Kenneth Branagh nei panni dell’imbranato Gilderoy Allock in Harry Potter e la camera dei segreti, lui non fu la prima scelta per quel ruolo, inizialmente pensato per Hugh Grant e poi proposto ad Alan Cumming che rifiutò dopo aver scoperto le strategie dello studio sui compensi. Grant, però, aveva altri impegni, e così furono considerati altri attori, tra cui – a quanto pare – Jude Law, scartato ai provini perché troppo giovane. Un altro candidato era lo scozzese Alan Cumming, che nel 2021 ha confermato di essere stato preso in considerazione per la parte…

Continua a leggere
Gal Gadot in Wonder Woman 1984 con l'armatura dorata

Tra le immagini iconiche di Wonder Woman 1984, il sequel del blockbuster di Patty Jenkins, c’è quella in cui Diana (Gal Gadot), per la battaglia finale contro Cheetah e Maxwell Lord, indossa l’armatura dorata che un tempo apparteneva ad Asteria, la più grande guerriera amazzone (data per morta, ma in realtà presente nel film con le fattezze di Lynda Carter, la mitica Wonder Woman televisiva degli anni Settanta). Ma da dove proviene quel costume? Asteria è una creazione originale del film (anche se il nome, come da tradizione con le amazzoni, ha un riscontro nella mitologia greca), mentre l’armatura esiste…

Continua a leggere
Vinicio Marchioni, Sonią Bergamasco, Antonio Albanese e Fabrizio Bentivoglio in Grazie ragazzi
7.5

È ormai una garanzia il sodalizio artistico fra il regista Riccardo Milani e l’attore Antonio Albanese, alla quarta collaborazione dopo Papà o mamma? (2017) e il dittico di Come un gatto in tangenziale (2017 e 2021). Questa volta senza Paola Cortellesi, ma nuovamente, dopo la commedia sulla condivisione dei figli, alle prese con il remake di una pellicola francese (per l’esattezza Un anno con Godot di Emmanuel Courcol, uscito nel 2020 e a sua volta liberamente basato su fatti reali avvenuti in Svezia). Il terzo, per Milani, che nel 2022 ha anche firmato Corro da te con Pierfrancesco Favino e…

Continua a leggere
ben mendelson in captain america

Tra gli elementi più memorabili nel film Captain Marvel c’è la performance di Ben Mendelsohn nei panni di Talos, il leader degli alieni mutaforma noti come Skrull. Per interpretare il personaggio, l’attore australiano ha dovuto svolgere un lavoro doppio, dopo essersi consultato con i registi Anna Boden e Ryan Fleck che lo hanno voluto per la parte perché lo avevano già diretto nel loro film precedente, Mississippi Grind. Nel corso del film, Talos appare in veste duplice: con le sue vere sembianze aliene, con la pelle verde e le orecchie a punta, e in forma umana quando impersona Keller, il…

Continua a leggere
Frame tratto dal film M3gan.
8.0

Bambole e pupazzi hanno sempre fatto parte dell’immaginario di James Wan, sin dall’esordio con Saw – L’enigmista dove l’inquietante Billy dava alle vittime le istruzioni per sopravvivere alle trappole di John Kramer/Jigsaw. Anche la famiglia è parte integrante della sua poetica, e le due cose si mescolano nel suo nuovo progetto da produttore/soggettista, che segna anche l’inizio della collaborazione tra la sua casa di produzione, la Atomic Monster, e la Blumhouse, la società che ha rivoluzionato l’horror americano negli ultimi vent’anni. Di questo parliamo, per inaugurare il 2023 con un po’ di brividi, nella nostra recensione di M3GAN. M3GAN Genere:…

Continua a leggere

Il 2023 è iniziato con una brutta sorpresa per gli utenti di Netflix, l’ennesima: la piattaforma ha deciso di non continuare con le due ulteriori stagioni che erano previste per la serie 1899. A dare la notizia della cancellazione della serie sono stati gli stessi creatori, Baran Bo Odar e la compagna Jantje Friese, tramite l’account Instagram di lui: “Ci dispiace comunicarvi che 1899 non sarà rinnovato. Ci sarebbe tanto piaciuto concludere questo viaggio con una seconda e terza stagione, come avevamo fatto per Dark. Ma a volte le cose non vanno secondo i piani. Così è la vita. Sappiamo…

Continua a leggere
Jamie Lee Curtis è Inga in Una poltrona per due

Dal 1997 Una poltrona per due è l’irrinunciabile appuntamento natalizio cinefilo su Italia 1, anche per chi sostanzialmente lo conosce a memoria dopo quasi quattro decenni (il film è del 1983). Tra i tanti momenti immortali vi è tutta la scena sul treno, con una gag in particolare che fu parzialmente improvvisata. Parliamo, nello specifico, del travestimento di Ophelia (Jamie Lee Curtis), che si presenta camuffata come tutti gli altri: Billy Ray Valentine (Eddie Murphy) si finge uno studente venuto dal Camerun (con la celebre battuta “Belo ano a lei!”), Coleman (Denholm Elliott) è un prete irlandese, e la ragazza…

Continua a leggere
Naomi Ackie in Whitney - Una voce diventata leggenda
6.0

Dopo Billie Holiday e Aretha Franklin, spetta a Whitney Houston il trattamento da biopic, con quella che sembra la chiara intenzione di generare un fenomeno alla Bohemian Rhapsody, essendo nuovamente coinvolto lo sceneggiatore Anthony McCarten (anche produttore dopo aver acquistato i diritti per la vita e le canzoni della diva con i propri soldi). Ed ecco che l’anno finisce, in sala, con l’ennesimo esempio di un trend che Hollywood ha imparato a sfruttare in ottica di stagione dei premi, con la speranza di attirare anche una nutrita fetta di pubblico. Un trend di cui parliamo nella nostra recensione di Whitney…

Continua a leggere
Avatar - La via dell'acqua: una scena subacquea

Tra l’uscita di Avatar e il primo dei suoi quattro sequel, Avatar: La via dell’acqua, sono passati tredici anni. Un’attesa insolitamente lunga, legata in parte al perfezionismo di James Cameron e in parte alla decisione di fare non solo un seguito ma di trasformare il tutto in un’ambiziosa saga destinata a riempire le sale a intervalli regolari negli anni a venire. Un processo che intendiamo raccontarvi per filo e per segno nelle righe che seguono. Quattro film Cameron e il produttore Jon Landau hanno cominciato a pensare seriamente a un sequel nel 2010, allora con l’intenzione di fare una trilogia…

Continua a leggere
Pinocchio di Guillermo del Toro

Con la recente uscita di Pinocchio di Guillermo del Toro su Netflix abbiamo assistito all’ennesimo esempio della forza narrativa e formale della stop motion, tecnica di animazione che è una componente fondamentale del cinema da più di un secolo. Com’è nata? Qual è la sua funzione? Chi sono i nomi fondamentali nel campo? Proviamo a rispondere a queste domande ripercorrendo la storia della tecnica e la sua importanza per il cinema d’animazione (e non solo). Cos’è la stop motion Come indica il suo nome, la stop motion (nota anche come animazione a passo uno in italiano) si basa sul principio…

Continua a leggere
Ghost - fantasma, parodie video

Tra le sequenze rimaste impresse nella memoria dei cinefili durante gli anni Novanta c’è l’indimenticabile scena del vaso in Ghost – Fantasma, il momento che sottolinea visivamente l’amore tra i due protagonisti, interpretati da Patrick Swayze e Demi Moore. Una scena epocale che, come ogni momento iconico che si rispetti, ha generato altrettanto memorabili parodie. Tra le prime deformazioni comiche della sequenza ce n’è una che è “in famiglia”: appena un anno dopo l’uscita del film di Jerry Zucker, nelle sale è arrivato Una pallottola spuntata 2 1/2 – L’odore della paura, diretto dal fratello David Zucker. A ricreare la…

Continua a leggere
troll nella serie netflix

Da qualche giorno è disponibile su Netflix il film Troll, lungometraggio d’azione del regista norvegese Roar Uthaug, la cui premessa ruota attorno all’esistenza delle mitiche creature che fanno parte del folclore norreno, e sulla reazione del popolo norvegese quando viene fuori che non si tratta solo di una leggenda le cui origini risalgono a secoli fa. Il film adatta abbastanza fedelmente gli elementi centrali della versione norvegese del mito: i troll sono creature ostili agli umani, in parte per motivi associati alla religione (il cristianesimo, una volta arrivato in Norvegia, non autorizzava altre credenze religiose, tra cui il paganesimo a…

Continua a leggere
The Woman King
8.0

Tra i titoli più attesi dell’edizione 2022 del Toronto International Film Festival c’era il nuovo lungometraggio di Gina Prince-Bythewood (successivamente presentato anche a Zurigo prima di uscire nelle sale europee), raro esempio di produzione di una major con un budget consistente e una firma quasi interamente femminile, ed esempio ancora più raro di pellicola di genere – in questo caso action su sfondo storico – che non ha paura di affidare ruoli importanti e tutt’altro che passivi a interpreti femminili di una certa età (in questo caso Viola Davis, anche produttrice del progetto, che aveva 56 anni durante le riprese).…

Continua a leggere
Black Panther Wakanda Forever Aneka

Si è già ampiamente parlato di alcune delle storie future a cui allude Black Panther: Wakanda Forever, principalmente tramite la presenza di personaggi come Riri Williams e Valentina Allegra de Fontaine. Ma c’è un altro potenziale indizio che, per ovvi motivi, sarebbe passato inosservato, ed è legato alla miniserie Secret Invasion, prossimamente su Disney+. Attenzione, seguono spoiler! Stando a una teoria del sito Comic Book Resources, la guerriera Aneka, introdotta nel nuovo film, sarebbe in realtà un’infiltrata di origine Skrull, mandata per spiare il popolo di Wakanda. L’argomento a sostegno sarebbe il suo interesse nei confronti della città subacquea di…

Continua a leggere