Autore: Erika Pomella

A cinque anni vede Edward Mani di Forbice di Tim Burton e si innamora del cinema, delle storie e di Johnny Depp, in ordine sparso. Laureata in cinema a La Sapienza, scrittrice e appassionata di lettura, crede che le storie possano salvare vite e che il cinema sia un sogno ad occhi aperti. Per favore, non svegliatela.

un'immagine di timothee chalamet

Classe 1995, Timothée Chalamet è senza dubbio uno dei divi più amati e più seguiti nel mondo della settima arte: un idolo che si erge in cima all’Olimpo di Hollywood, con schiere di fan e seguaci sempre più ampie e internazionali. Da questo punto di vista sembrerebbe non esserci nulla di nuovo: si tratterebbe dell’ennesima star che si avventura sul tappeto rosso della fama, incontrando un favore che lo innalza al di sopra degli altri. Eppure, nell’ascesa e nella fama di Timothée Chalamet tutto sembra nuovo, determinato a distruggere schermi che decenni di industria sembravano aver reso indistruttibili e che invece…

Continua a leggere
Metamorphosis
8.0

Scritto e disegnato tra il 2010 e il 2012 e uscito originariamente in bianco e nero, Metamorphosis torna ora in una nuova veste completamente a colori, che riesce a dare maggior risalto alla graphic novel di Giacomo Bevilacqua, edita da BAO Publishing. Opera incentrata sul cambiamento e la trasformazione, su cosa significhi accettarsi e accettare gli altri, Metamorphosis rappresenta anche il primo tassello della carriera di Giacomo Bevilacqua come graphic novelist, il primo capitolo di quello che l’autore stesso definisce il suo “Keisonverse”, vale a dire l’universo che contiene tutte le sue opere, eccezion fatta per A Panda piace. Ambientato…

Continua a leggere
Fantasy

Quante volte abbiamo sentito dire che il fantasy è un genere di serie B? Quante volte abbiamo sentito lettori lamentarsi per le battute sardoniche che venivano loro rivolte perché appassionati di un genere che, storicamente, si pensava non potesse appartenere all’alta sfera della letteratura che conta? Se è vero l’assioma secondo il quale la lettura è prima di tutto una via di evasione, perché si è sempre pronti a puntare il dito contro un genere che sfama l’immaginazione e spinge a vedere cose anche oltre il limite del reale? Se pure il fantasy viene accettato come una delle tante voci…

Continua a leggere
Nostalgia

“I trace it all back to then”: la voce di Emma Stone trema e si affievolisce, divorata dalla nostalgia mentre canta Audition in La La Land. In questa specifica scena del capolavoro di Damien Chazelle, Mia sta puntando i piedi per andare avanti nella sua carriera, ma il suo sguardo è rivolto al passato, a quell’allora a cui fa “risalire tutto”. Noi tutti abbiamo avuto a che fare con la nostalgia: sui banchi di scuola abbiamo imparato insieme ad Ulisse che è il dolore del ritorno e grazie alle esperienze di vita abbiamo guardato in faccia i raggi dorati del nostro passato,…

Continua a leggere
una foto di neil gaiman seduto di fronte alla libreria.

Per chiunque sia un amante del fantasy il nome di Neil Gaiman è qualcosa di associabile quasi al sacro. Difficile nuotare nel genere – che sia tra i romanzi o tra i fumetti – e non imbattersi nel nome dello scrittore inglese, che nel corso della sua lunga carriera ha dato ai lettori numerosi capolavori, come Sandman. Diventato una serie tv per Netflix e appena rinnovato per una seconda stagione, Sandman è una delle opere più ricche e profonde di Gaiman, ma allo stesso tempo non rappresenta che una minima parte della produzione dello scrittore, che non si è mai limitato a stare…

Continua a leggere
Proteggi la mia Terra - Dettaglio copertina primo volume

Era il 1998 quando in Italia arrivò Proteggi la mia Terra, il manga firmato da Saki Hiwatari, che miscelava le caratteristiche del cosiddetto shōjo – un tipo di manga che per il mercato era destinato soprattutto al genere femminile – con una riflessione di tipo ambientalista. Traendo spunto anche da alcuni stilemi del genere fantascientifico, Proteggi la mia Terra poneva molto l’accento sul discorso ecologista, rappresentando una Natura sofferente, che cantava la propria fragilità a un’anima capace di ascoltarla. Nel 2022 Panini Comics ha deciso di riportare sul mercato una nuova edizione di questo capolavoro diventato un classico: nella strategia di…

Continua a leggere
un'immagine di chandler bing nella serie friends

Quando pensiamo a Matthew Perry la prima immagine che ci salta in mente è quella di Chandler Bing, il personaggio che interpreta in Friends, seduto al divano del Central Perk o su una delle poltrone del suo appartamento. Circondato dai suoi cinque migliori amici, ammantato dall’ironia e dal sarcasmo che usa per nascondere le sue fragilità e i traumi di un’infanzia non troppo idilliaca, Chandler è diventato in brevissimo tempo il personaggio più amato della sit-com anni ’90. Più del donnaiolo Joey, più del pragmatico Ross, Chandler è stato la vera colonna di Friends e forse uno dei personaggi più iconici dell’intera…

Continua a leggere