Autore: Francesco Grano

Appassionato di cinema, letteratura, scrittura e fotografia Francesco Grano lavora come consulente editoriale freelance e collabora come critico cinematografico e contributor culturale per diverse webzine. Ha pubblicato tre saggi monografici dedicati ai registi Michael Mann, John Woo e Denis Villeneuve. I suoi interessi spaziano tra tecnologia, videogames, fitness e natura.

Un close up di Maika Monroe

Classe 1993 e viso da ragazza della porta accanto, l’attrice ha già all’attivo ben ventuno ruoli in altrettanti film. Alternandosi in vari generi, dal dramma adolescenziale al thriller per poi approdare al biopic, è riuscita a ritagliarsi uno spazio iconico in opere horror interessanti e molto apprezzate. Scopriamo così Maika Monroe, la final girl perfetta tra It Follows e Watcher. Biografia e carriera Nata ventinove anni fa in quel di Santa Barbara, ridente città dell’assolata e modaiola California, Dillon (questo è il vero nome della Monroe) è figlia di Jack e Dixie Buckley, rispettivamente esperto del settore edile il primo…

Continua a leggere
Una scena di Frankenweenie

La diffusione del trailer di Mercoledì, serie a marchio Netflix in arrivo per l’autunno, ha portato a un più che giusto incremento dell’hype sulla nuova opera di Tim Burton. Che siate fan di vecchia data oppure dei neofiti, perché non ingannare l’attesa con un bel rewatch dell’intera filmografia del regista? Ecco di seguito tutti i film di Tim Burton, in ordine dal peggiore al migliore. 19. Alice in Wonderland (2010) Basato sul classico della narrativa per ragazzi (e non solo) di Lewis Carroll nonché sull’adattamento d’animazione targato Walt Disney, Alice in Wonderland è il sequel di quest’ultimo ma girato in…

Continua a leggere
Poltergeist - Demoniache presenze

Fantasmi, entità inquietanti, misteri inspiegabili e fenomeni agghiaccianti fanno parte delle vostre visioni cinematografiche costituendo una sorta di pane quotidiano? Se è così e volete provare terrore e brividi lungo la schiena durante questa lunga estate calda, ecco per voi quali sono i migliori film horror paranormali da vedere, da classici del genere come Entity a titoli più recenti come It Follows. 1. It Follows (2014) Secondo noi il miglior film horror paranormale degli ultimi anni è e rimane It Follows diretto da David Robert Mitchell. Una sorta di maledizione si trasmette tramite i rapporti sessuali. Jay, giovane studentessa, si…

Continua a leggere
Ambulance di Michael Bay

Sottogenere cinematografico che si incrocia, spesso e volentieri, con il poliziesco, l’action, il thriller nonché il noir, l’heist movie esercita sempre un certo fascino sugli spettatori. Che al centro delle vicende ci siano rapinatori professionisti, poliziotti corrotti o persone comuni spinte da motivazioni di extrema ratio, i titoli appartenenti al filone garantiscono sequenze da antonomasia e ottime dosi di adrenalina. Scopriamo così i migliori film di rapine, da quelli più classici fino ai più recenti. 1. Heat – La sfida (1995) Secondo noi il miglior film di rapine in assoluto è Heat – La sfida, capolavoro della filmografia di Michael…

Continua a leggere
un'immagine di robocop

Nel 1987 l’istrionico e visionario regista olandese Paul Verhoeven consegnava alle sale cinematografiche RoboCop, sci-fi distopico sagacemente mixato con il poliziesco, il noir e la satira sociale. Tra cupi scoppi di iperviolenza e scene da antonomasia rimaste negli annali del cinema, in occasione dell’anniversario dell’uscita riscopriamo questo classico degli anni Ottanta con protagonista Peter Weller. La trama: Welcome to Detroit In una sporca, disperata e decadente Detroit la polizia si scontra quotidianamente con bande di delinquenti, rapinatori e stupratori. I tassi di criminalità sono alle stelle e megacorporazioni come la OCP mirano a ristabilire l’ordine edificando l’avveniristica Delta City e…

Continua a leggere
Una scena di Bang Bang Baby

Fresca di conclusione con il rilascio degli ultimi cinque episodi che ne compongono la prima stagione, Bang Bang Baby è una succosa novità nel panorama della serialità televisiva italiana. A metà strada tra pulp e crime con una spruzzata di teen drama, ecco dieci buoni motivi per guardare la serie di Prime Video. 1. Una ventata di novità Bang Bang Baby sancisce, finalmente, un passo in avanti nella serialità televisiva italiana. Difatti, la serie ideata da Andrea Di Stefano, regista di Escobar e The Informer – Tre secondi per sopravvivere, ha dato vita a un prodotto ibrido, a metà strada…

Continua a leggere
Antonio Cianci Il raccattafilm

Abbiamo raggiunto Antonio Cianci per scambiare con lui qualche parola su cinema e dintorni. Classe ’92, nel 2013 ha esordito su Youtube con il canale Il raccattafilm in cui, con uno stile semplice ma al tempo stesso diretto e accattivante, porta contenuti di qualità come videorecensioni, live streaming e interviste. Con un background di studi tra il giuridico-economico e quello per i beni culturali e ambientali, lo youtuber ha saggiato, da vicino, il mondo della critica mediante il workshop semestrale diretto da Paolo Mereghetti. Raccontaci come e dove nasce il tuo amore per la Settima arte. Nasce sin dalla tenera…

Continua a leggere
Una scena di Scream

Nel 1996 usciva nelle sale cinematografiche americane Scream, il quattordicesimo lungometraggio del compianto Wes Craven. Tra slasher e citazionismo il primo capitolo del franchise, diventato in poco tempo un cult assoluto, mantiene ancora intatto il suo fascino inarrivabile. Per i venticinque anni di questo cult horror, riscopriamo insieme i punti forti che hanno permesso all’opera craveniana di tramutarsi in un vero e proprio punto di riferimento per i cinefili. La trama È una sera come tante nella cittadina californiana di Woodsboro quando Casey Becker (Drew Barrymore), da sola in casa, riceve una misteriosa telefonata da parte di un inquietante quanto…

Continua a leggere

Forte di un sequel ancora fresco di distribuzione, il titolo della Tarsier Studios – Bandai Namco, a distanza di quattro anni dall’uscita su console e PC, mantiene ancora intatto il suo aplomb videoludico. Quale occasione migliore, per chi ancora non avesse avuto modo di giocarlo, di scoprire i punti forti che rendono Little Nightmares un piccolo, meraviglioso (e inquietante) capolavoro nel suo genere? La trama Il plot di Little Nightmares si apre con un incubo fatto da Six, una bambina di nove anni che sogna una misteriosa donna vestita in kimono. Risvegliatasi dall’incubo, Six si ritrova in un mondo onirico,…

Continua a leggere
La locandina di Cani affamati

Abbiamo scambiato qualche parola con Felice Antignani, legale di affari e talentuoso filmmaker indie, in occasione del suo ultimo cortometraggio Cani affamati, un’opera che risente della forte influenza di tanto cinema noir italiano degli anni Settanta e che sta già ottenendo differenti riconoscimenti in vari festival nazionali. Con tanta passione e voglia di trasmettere l’amore per la Settima arte, il regista ha risposto alle nostre domande, colmando così tutte le nostre curiosità in merito alla sua nuova fatica filmica. La genesi del progetto Come nasce Cani affamati? Cani affamati nasce da un’idea di Alessandro Amato, socio fondatore (con me e…

Continua a leggere
Un'immagine di Max Payne

Correva l’anno 2001 quando, su PC, arrivò un titolo capace di stravolgere l’intrattenimento videoludico di almeno due generazioni di gamers. Con una “potenza di fuoco” dirompente, Remedy Entertainment fece conoscere al mondo intero Max Payne, sparatutto in terza persona che apportava innovativi aspetti alle dinamiche di gioco. Vent’anni dopo, il titolo della società finlandese fa ancora parlare di sé tra chi ha avuto la fortuna di giocare a una vera e propria perla di inizio terzo millennio. Con questo approdondimento, (ri)scopriamo e facciamo scoprire alle nuove generazioni Max Payne, un cult senza tempo che vanta due sequel e un adattamento…

Continua a leggere
Gael García Bernal in Old

A distanza di due anni dall’uscita di Glass, capitolo conclusivo della trilogia iniziata con Unbreakable e continuata con Split, M. Night Shyamalan è tornato nelle sale nelle sale la scorsa estate con Old, il suo quattordicesimo lungometraggio. Alzando nuovamente l’asticella dell’aspettativa e della novità, l’ultimo lavoro dell’autore de Il sesto senso e Lady in the Water si è confermato come un prodotto ben realizzato e capace di tenere alta l’attenzione nonché la curiosità dello spettatore. Di seguito, scopriamo quali sono cinque buoni motivi per recuperare l’ultimo film di M. Night Shyamalan e per renderci conto di come, questo regista con…

Continua a leggere