Autore: Luigi Spedale

Nato a Palermo il 27 ottobre 1990. Laureato in Scienze della Difesa e della Sicurezza, in Giurisprudenza, successivamente ho conseguito un Master in Tutela dei Diritti del Minore. Sono un avvocato, innamorato di cinema e sport sin dalla tenera età, non a caso appassionato di storytelling. Alleniano fino al midollo, sono tre le visioni che da bambino mi hanno cambiato la vita, in ordine: Balla coi Lupi, Batman (Tim Burton) e Il Padrino.

Una scena di Horizon: An American Saga

L’età consigliata per la visione di Horizon: An American Saga è quella di un pubblico adulto, o tutt’al più over 14 anni accompagnato. Infatti, nonostante Warner Bors. Italia, il distributore italiano del film, abbia determinato la soglia del rating sul PG6, vale a dire non segnalando divieti o particolari restrizioni relative all’età degli spettatori, la pellicola di Costner, per la crudezza delle vicende ma soprattutto delle tematiche trattate, è sicuramente indirizzata ad un pubblico prettamente adulto. Negli Stati Uniti d’America i distributori, come vuole consuetudine, hanno determinato un rating piuttosto stringente. Infatti, il western di Costner in patria è vietato…

Continua a leggere
poster-saga-mad-max

Plasmata dalla mente del grande George Miller, la saga di Mad Max è indubbiamente una delle più iconiche della storia del cinema. Il franchise rappresenta un caposaldo fondamentale non solo nell’ambito dell’action occidentale, ma in generale per la storia della settima arte tout court, perché è stato capace di rivoluzionare il cinema d’azione e creare l’immaginario post apocalittico moderno, configurando i canoni di uno scenario distopico, divenuto il punto di riferimento che ha ispirato innumerevoli opere, cinematografiche, letterarie e videoludiche, venute dopo. Anche, ma non solo, per questa ragione è riuscita a ritagliarsi in pochissimo tempo lo status intramontabile di…

Continua a leggere
poster-le-ali-della-liberta

Le Ali della Libertà finisce con Red, il personaggio interpretato da Morgan Freeman, che ottiene, dopo 40 anni passati in prigione, la libertà sulla parola. Ormai anziano, fuori dal carcere si rende inevitabilmente conto di non potersi più adattare ad una vita, una società e un mondo che anni prima lo hanno respinto e abbandonato. Capendo di non poter far parte di questa realtà, Red teme di non poter più vivere. Tuttavia, l’uomo, una volta libero, decide tener fede alla promessa fatta tempo prima ad Andy: così recatosi nel luogo che l’amico gli aveva indicato, trova una lettera che lo…

Continua a leggere
poster-diabolik-ginko-all-attacco

Diabolik – Ginko all’attacco!, secondo capitolo della trilogia cinematografica incentrata sul personaggio creato dalle sorelle Giussani, è principalmente ispirato all’omonimo albo n. 16 della collana edita da Astorina. A differenza del primo film, nel quale il protagonista era interpretato da Luca Marinelli, nel sequel, uscito al cinema nel 2022, è l’attore italoamericano Giacomo Giannotti, famoso per aver partecipato alla serie Grey’s Anatomy, a prestare il volto a Diabolik. I Manetti Bros., diversamente da quanto fatto con il primo capitolo, hanno scelto un approccio più libero nell’adattamento della sceneggiatura, che in effetti è solo liberamente tratta dall’albo intitolato Diabolik – Ginko…

Continua a leggere
Diabolik-poster

Diabolik, il primo capitolo della trilogia cinematografica firmata Manetti Bros., è stato girato interamente in Italia, nello specifico in diverse zone del centro-nord del nostro paese, in particolare tra Bologna, Milano e Trieste. La produzione ha saputo ricostruire in maniera peculiare l’immaginario retrò anni ’60 dello stato di Clerville, l’ambientazione fittizia ove si svolgono le storie dell’antieroe ideato da Angela e Luciana Giussani. Le riprese della pellicola con protagonisti Luca Marinelli e Miriam Leone, nei ruoli rispettivamente di Diabolik e della sua partner Eva Kant, sono iniziate a Courmayeur, la località valdostana ai piedi del Monte Bianco selezionata per ricostruire…

Continua a leggere
ready-or-not-poster

Finché morte non ci separi finisce con Grace che dopo esser riuscita a salvarsi dal rito sacrificale invocato in nome di La Bail, il misterioso spettro che aveva contribuito alla fortuna Le Domas, osserva soddisfatta Alex, il suo novello sposo, e gli altri parenti rimasti vivi, esplodere uno dopo l’altro per non aver tenuto fede al tradizionale sacrificio voluto dallo spirito di La Bail. Nell’ultima scena Grace, allontanatasi dalla casa ormai in fiamme, si siede sulle scale e alla domanda dei soccorritori su cosa fosse successo, la ragazza, sardonica, risponde: Parenti. Il film narra la storia di Grace, una ragazza…

Continua a leggere
poster-il-problema-dei-3-corpi

Adattamento del primo romanzo della trilogia letteraria di fantascienza dell’autore cinese Cixin Liu intitolata Memoria del passato della Terra, la serie Netflix Il problema dei 3 corpi è senza dubbio uno dei prodotti streaming più interessanti, controversi e discussi di questi primi mesi del 2024. La serie creata da Alexander Woo, David Benioff e D.B. Weiss (quest’ultimi due conosciuti anche come D&D, ossia gli showrunner divenuti celebri grazie al successo di Game of Thrones) narra della scoperta dell’esistenza di una forma di vita extraterrestre, denominata San-Ti. Questa avanzatissima civiltà proveniente dallo spazio profondo è alla ricerca di una nuova casa…

Continua a leggere
poster-cento-domeniche
7.0

Siamo soliti identificare Antonio Albanese per le sue indimenticabili maschere tragicomiche, capaci di delineare le innumerevoli anime negative che rappresentano il nostro paese in tutto il loro lato grottesco, contraddittorio e sopra le righe. Tuttavia, nella sua lunghissima carriera, l’artista lombardo ha dimostrato di essere un uomo di cinema, ma più in generale di spettacolo, versatile, in grado di adattarsi perfettamente a ruoli, generi e palcoscenici di ogni tipo, dalla commedia brillante, come ad esempio i numerosi film girati in coppia con la Cortellesi, fino a parti impegnate in opere drammatiche, come nel caso del suo ultimo film da regista,…

Continua a leggere
poster-di-ripley

Ripley, la serie targata Netflix, è stata girata tra gli Stati Uniti e l’Italia, in particolare ad Atrani, il borgo in provincia di Salerno noto per essere il comune più piccolo del nostro paese. Bisogna sottolineare, però, che la produzione ha avuto l’opportunità di spostarsi in diverse zone della penisola, mostrando le bellezze del Bel Paese da Nord a Sud. Venezia, Firenze, Roma, Napoli, Capri e Palermo: queste le principali e splendide location visitate dalla serie. Le riprese della serie con protagonista il personaggio nato dalla penna di Patricia Highsmith hanno visto la troupe spostarsi da New York, la città…

Continua a leggere
lunanzio-in-lol-talent-show

All’anagrafe Dario Loris Fabiani, 40 anni, originario di Melzo ma attualmente vive a Milano, di professione attore e comico. È questo il vero volto che si nasconde dietro la misteriosa maschera comica di Lunanzio, il bizzarro concorrente della quarta stagione di LOL: Chi ride è fuori, che ha destato grande curiosità da parte del pubblico, rimasto sin da subito affascinato da un artista capace di mostrare doti poliedriche e una comicità senza dubbio sui generis. Lunanzio è stato il vincitore della prima edizione di LOL Talent Show: Chi fa ridere è dentro, il programma spin off del reality show comico…

Continua a leggere
poster-di-joker

La trama di Joker narra la storia di Arthur Fleck, un reietto che vive alienato nella Gotham City del 1981, una metropoli governata da ingiustizie, povertà, criminalità e degrado sociale. L’uomo soffre di una forte depressione e di un raro disturbo che gli provoca, durante le situazioni stressanti, improvvisi e compulsivi attacchi di risate. Arthur vive da solo con l’anziana e malandata madre in un palazzo squallido, precario e decadente, provando a sbarcare il lunario tra un lavoretto occasionale e l’altro, mentre sogna di diventare un grande comico cabarettista, esattamente come il suo idolo, il presentatore televisivo Murray Franklin. Intanto…

Continua a leggere
po-e-il-maestro-shifu-in-kung-fu-panda

La trama di Kung Fu Panda narra la storia di Po, un panda pigro, imbranato e pasticcione ma di buon cuore, che lavora come cameriere nel ristorante del padre adottivo, mentre nel profondo sogna di diventare un maestro di kung fu. Un giorno, l’anziana tartaruga Oogway, il Maestro di Kung Fu più famoso della Cina, organizza una cerimonia volta a nominare il miglior Maestro. Per una serie di bizzarre coincidenze Oogway capisce che proprio l’imprevedibile Po è il prescelto dal destino. Per questo il goffo panda contro i più rosei pronostici e tra lo stupore generale, in particolare del Maestro…

Continua a leggere
ester-exposito-in-una-scena-di-venus

Venus finisce con la protagonista Lucia che, dopo aver eliminato la banda di criminali mafiosi a cui in precedenza aveva rubato il carico di sostanze stupefacenti, riesce a salvare la piccola nipote Alba dal rituale esoterico di reincarnazione al quale la stavano sottoponendo le tre vecchie streghe. La trama del film diretto dal regista spagnolo Jaume Balagueró (REC, Bed Time, La settima Musa) narra la storia di Lucia, la protagonista interpretata da Ester Expósito, una stripper che lavora in un locale gestito da un gruppo di criminali mafiosi. Un giorno la ragazza stanca di quella vita, escogita il suo piano:…

Continua a leggere
povere-creature

Emma Stone bissa il successo del 2017, ottenuto grazie a La La Land, e vince il suo secondo Oscar come Miglior attrice protagonista. Un trionfo meritato per l’attrice statunitense raggiunto grazie alla splendida interpretazione del personaggio di Bella Baxter in Povere Creature!, il film di Yorgos Lanthimos. La Stone, infatti, sconfigge Lily Gladstone, attrice protagonista di Killers of the Flower Moon, in un avvincente ed infinito testa a testa che ha visto le due attrici contendersi, e dividersi, tutti i riconoscimenti più ambiti durante la lunga stagione dei premi. Le altre contendenti, Annette Bening, Carey Mulligan e Sandra Hüller, nonostante…

Continua a leggere
Cillian Murphy in Oppenheimer

Cillian Murphy vince il premio Oscar come Miglior attore protagonista. Un successo meritato per il celebre attore irlandese, ottenuto grazie alla sua indimenticabile interpretazione di Robert J. Oppenheimer, nel biopic diretto da Christopher Nolan dedicato al padre della bomba atomica. Murphy ha avuto la meglio su Paul Giamatti, il protagonista di The Holdovers – Lezioni di vita, l’altro grande contender alla vittoria dell’ambita statuetta. L’attore irlandese è stato il grande mattatore della lunga stagione dei premi cinematografici, durante la quale aveva già collezionato il BAFTA al miglior attore protagonista e il Golden Globe per il miglior attore in un film…

Continua a leggere
Robert Downey Jr in Oppenheimer, fonte: Universal Pictures

Robert Downey Jr. vince il premio Oscar come Miglior attore non protagonista. Un successo più che meritato per il celebre attore statunitense, ottenuto grazie alla sua indimenticabile performance in Oppenheimer, il biopic diretto da Christopher Nolan dedicato al padre della bomba atomica, dove interpretava il ruolo dell’ex ammiraglio Lewis Strauss. Downey Jr. è stato il grande favorito lungo tutta la stagione dei premi cinematografici, come dimostrano le numerose cerimonie che lo hanno visto trionfare, tra cui il BAFTA e il Golden Globe per il Miglior attore non protagonista in un film drammatico. Quindi come da pronostico l’interprete statunitense si aggiudica…

Continua a leggere
Da'Vine Joy Randolph in The Holdovers

Da’Vine Joy Randolph vince il premio Oscar come Miglior attrice non protagonista agli Oscar 2024. Un trionfo più che meritato per l’attrice e cantante statunitense, raggiunto dopo la sua magnifica prova in The Holdovers – Lezioni di vita, il bellissimo dramedy diretto da Alexander Payne. L’attrice si è commossa durante il discorso della presentazione del premio ed è salita sul palco sfoggiando parole di grande affetto per l’onore della vittoria. Dopo aver ottenuto il Golden Globes e il BAFTA, e in generale dominato la lunga stagione dei premi, la Randolph conquista, come da pronostico, anche la statuetta più agognata. Le…

Continua a leggere
dune-poster

I Fremen sono il popolo autoctono che vive da secoli su Arrakis, il pianeta più importante dell’universo narrativo di Dune. Organizzati in tribù nomadi, i Fremen sono gli abitanti del deserto, nonché grandi devoti dei suoi comandamenti, tanto da adorare i famosi vermi delle sabbie come vere divinità. Popolo di esperti guerrieri, i Fremen, anche a causa della loro origine, sono una comunità estremamente spirituale, come dimostra la credenza in una profezia tramandata di generazione in generazione sull’avvento di un salvatore per liberare il popolo dall’oppressione degli invasori. Come tutti i popoli devoti a confessioni religiose e mistiche, anche i…

Continua a leggere
barone-vladimir-harkonnen-poster

La casata degli Harkonnen è una delle principali dinastie di Dune, l’universo narrativo nato dalla mente dello scrittore Frank Herbert. Rivali storici degli Atraides, la famiglia protagonista della saga, gli Harkonnen rappresentano l’incarnazione umana delle caratteristiche di crudeltà e malvagità. Scopriamo i dettagli più importanti sulla casata degli Harkonnen, gli antagonisti principali dei romanzi di fantascienza da cui sono tratti i blockbuster diretti da Denis Villeneuve. Gli Harkonnen sono una delle grandi casate del Landsraad, la gilda delle nobili dinastie su cui si sorregge l’Imperium. La loro influenza è figlia di una imponente forza economica e militare, seconda solo rispetto…

Continua a leggere
rebecca-ferguson-poster-dune-lady-jessica

La sorellanza delle Bene Gesserit è uno dei grandi ordini su cui si regge l’universo di Dune. Considerate delle vere e proprie streghe, per via dei loro poteri sovraumani, il loro compito è quello di sovrintendere gli interessi politici e sociali dell’intera galassia, senza prendere le parti di nessuno schieramento, ma difendendo il cosiddetto bene superiore. Frank Herbert, il demiurgo di Dune, ha sempre mantenuto il mistero dietro la formazione della sorellanza. Infatti, le loro origini sono state narrate in una serie di romanzi prequel scritti da Brian Herbert (il figlio di Frank) e Kevin J. Anderson, anni dopo la…

Continua a leggere